La battaglia di YouTube contro i blocca-pubblicità: ecco cosa cambia per te!

YouTube

YouTube

Google ha ammesso recentemente che YouTube sta creando esperienze di visualizzazione subottimali per gli utenti nella sua lotta contro i blocca-pubblicità. Un vero peccato, considerando che molti telespettatori si lamentano di dover aspettare cinque secondi prima che un video si carichi. Ebbene sì, sembra che questo problema si verifichi principalmente con browser come Firefox o Edge, invece che con Chrome.

Gli utenti hanno condiviso registrazioni di schermo su Reddit e altri forum online, mostrando come i loro schermi diventino vuoti per un breve periodo quando cliccano su un video di YouTube, prima che la pagina si carichi. Ma ecco la sorpresa! Quando passano a Chrome, questa lunga attesa sembra svanire nel nulla. Siti come Android Authority e 404media, che hanno riportato queste lamentele degli utenti, non sono riusciti a replicare il fenomeno. Altre analisi non hanno rilevato alcuna differenza nei tempi di caricamento tra i vari browser.

Sembra che YouTube abbia implementato un meccanismo anti-blocca-pubblicità basandosi sul codice trovato da alcuni utenti di YCombinator e Reddit. Ma cosa fa esattamente questo frammento di codice? Ancora non si sa con certezza. Google ha ammesso di aver implementato un sistema per incoraggiare gli spettatori a disinstallare i loro blocca-pubblicità. Insomma, se hai installato un blocca-pubblicità, potresti avere un’esperienza di visione subottimale, indipendentemente dal browser che utilizzi.

Quest’anno YouTube ha intensificato la sua lotta contro i blocca-pubblicità, impedendo ai telespettatori di tutto il mondo di guardare video se non disabilitano le app, i componenti aggiuntivi e le estensioni che bloccano gli annunci pubblicitari. L’obiettivo del sito di hosting video è quello di convincere gli utenti ad abbonarsi al suo servizio a pagamento, YouTube Premium, al costo di 14 dollari al mese. Da allora diverse aziende di blocca-pubblicità hanno segnalato un aumento delle disinstallazioni giornaliere, ma Google non ha ancora rivelato se anche gli abbonamenti a YouTube Premium siano aumentati di conseguenza.

Questi ritardi nel caricamento dei video su YouTube hanno suscitato diverse reazioni tra gli utenti e gli esperti del settore. Molti si sono lamentati dell’approccio di Google, che sembra penalizzare chi utilizza i blocca-pubblicità. Questa tattica solleva interrogativi sull’equilibrio tra la necessità di YouTube di generare profitti dalla pubblicità e il diritto degli utenti a una navigazione fluida e senza interruzioni.

È interessante notare come Google, proprietaria di YouTube, sembri favorire l’uso del suo browser, Chrome, dove i ritardi sembrano essere meno o addirittura inesistenti. Questo ha portato alcune persone a denunciare pratiche anticoncorrenziali da parte di Google, che sembra utilizzare YouTube per spingere gli utenti verso i suoi prodotti software.

Insomma, cari amici, siamo immersi in un vero e proprio scenario tecnologico pieno di intrighi, duelli di browser e giochi di potere.