Bremer: il Manchester United ci pensa, ma la Juve non lo svende

Bremer (Instagram)

Bremer (Instagram)

Nel mondo del calcio, le operazioni di mercato sono all’ordine del giorno, e molto spesso rappresentano un vero e proprio banco di prova per la dirigenza di una società. Quando la Juventus ha salutato Matthijs de Ligt, destinato a calcare i prestigiosi prati del calcio europeo lontano da Torino, il club ha dovuto muoversi con sagacia per colmare il vuoto lasciato dal difensore olandese. E la scelta è caduta su una promessa del calcio brasiliano che militava nel Torino: Gleison Bremer.

L’operazione che ha portato Bremer a vestire la maglia bianconera è stata sostanziosa, con una spesa intorno ai 50 milioni di euro tra parte fissa, bonus e oneri accessori. La cifra impegnativa ha posto delle aspettative non indifferenti sulle spalle del difensore, che è stato chiamato a dimostrarsi all’altezza della fiducia riposta in lui.

A distanza di un anno e mezzo da quel trasferimento, i dubbi sono stati spazzati via e le incertezze si sono trasformate in convinzioni. A Continassa, la sede della Vecchia Signora, non esiste alcun rimpianto per la partenza di de Ligt, anzi, le prestazioni di Bremer hanno convinto i vertici della Juventus a procedere senza indugi nel rinnovo del contratto del giocatore. Questa mossa strategica non solo disperde i costi di ammortamento nel bilancio, ma pone anche le fondamenta per un dialogo sereno e costruttivo su un’eventuale cessione futura del giocatore.

Bremer è diventato un pilastro insostituibile della retroguardia juventina, un vero totem difensivo attorno al quale pianificare il futuro del reparto arretrato bianconero in vista delle prossime sfide sportive. È chiaro che le prestazioni di alto livello del brasiliano non sono passate inosservate, e l’interesse di club prestigiosi, specialmente dalla Premier League, non tarderà ad arrivare.

La Juventus, consapevole del valore del proprio difensore, ha fissato il prezzo minimo per un suo trasferimento: 70 milioni di euro. Una cifra che non ammette ribassi e che serve a scoraggiare le offerte al ribasso per un giocatore divenuto centrale nei piani tecnici del club di Torino.

Il Manchester United, in particolare, ha mostrato un interesse concreto per Bremer. La squadra inglese, attualmente guidata da Erik Ten Hag, ha cercato di tastare il terreno per capire la fattibilità di un’operazione che porterebbe il talento brasiliano a difendere i colori dei Red Devils. La Juventus, tuttavia, ha segnalato chiaramente la propria posizione: solo un’offerta convincente potrà aprire le porte a trattative future. Nel frattempo, Bremer continua a dare il suo contributo in campo, con la sicurezza di chi sa di essere un elemento fondamentale nella strategia sportiva di uno dei club più titolati d’Italia.